42 giorni di niente

42 giorni. Sono passati 42 giorni da quando le elezioni politiche hanno consegnato al Paese un Parlamento inutile. Spaccato irrimediabilmente, incapace di trovare soluzioni condivise e assolutamente disinteressato ai problemi del Paese. Sì, non facciamoci ingannare: disinteressato è la parola esatta. In questi 42 giorni, Napolitano ha fatto delle consultazioni; Bersani ha avuto un pre-incarico e l’ha dato indietro; allora Napolitano ha fatto altre consultazioni e ha chiamato i ‘dieci saggi’ – versione moderna e adulta dei ‘sette nani’.

Continua a leggere

La briscola col morto

Vorrei scrivere un post sul PD senese alla ricerca del candidato perduto. Ma per farlo dovrei aver voglia di ridere – o quanto meno di ironizzare – su una débacle politica, sociale, istituzionale che francamente non mi diverte più da tempo. O, in alternativa, dovrei avere doti divinatorie e una potente sfera di cristallo, perché lo sa Dio se non sia rimasta questa l’unica possibilità di capirci qualcosa, in tutta questa storia.

Come ho detto a un’amica, poco meno di 24 ore fa, ho finito le letture intelligenti a disposizione. Sul serio. Per questo non riesco a scrivere un post. Non riesco a ripercorrere la parabola masochista del Partito Democratico cittadino, attuata come da copione dal maggio scorso a oggi. Sì, tutto è cominciato con la caduta della Giunta guidata da Franco Ceccuzzi – ma allora il blog non c’era, ahimè, e non è davvero il caso di ricominciare da lì.

Continua a leggere

Vorrei un uomo per bene. Anzi, una donna

Venghino signori, venghino: un altro giro di giostra. Ma non immaginate cavallini colorati e piccole astronavi, diligenze in miniatura e areoplanini vintage, tutti lì a girare in tondo, sotto il tendone a tinte pastello, nella musica da carillon inizio Novecento. No, la giostra non è quella. Dimenticate la poesia romantica e infantile di quei giri sempre uguali, ma sempre diversi, in cui la fantasia ci faceva aspettare che l’areoplanino da un momento all’altro spiccasse il volo o che la diligenza si imbattesse in un gruppo di indiani con le piume al vento. Reset.

Continua a leggere