Finanza vernacolare

Non ce n’è davvero bisogno, concordo. Ché troppo hanno scritto e detto in troppi – preparati analisti e banchieri della domenica – sull’aumento di capitale da 3 miliardi che la banca Monte dei Paschi dovrà attuare nei prossimi mesi e sul braccio di ferro tra il presidente della Rocca, Alessandro Profumo, e il presidente della Fondazione, Antonella Mansi. Braccio di ferro che ha messo in scena ieri, durante l’assemblea dei soci, l’apice dello scontro. Schiaffoni reciproci, con la Mansi uscita vincitrice, almeno secondo le analisi dei ben preparati e almeno a guardare i risultati numerici del voto in assemblea. I soci le hanno dato ragione: l’aumento di capitale si farà da maggio. Questi, i fatti.

Continua a leggere