Viva Princi 

È una strana sensazione, disfare i bagagli. Appendere i vestiti nell’armadio, sistemare le magliette e la biancheria nei cassetti, le scarpe in bagno, i libri, i gioielli di plastica, le borse nello scomparto del piccolo comodino. Anche la valigia ha un posto suo, non riuscivo a capire dove la avrei messa finché non l’ho visto lì, naturale. Ovvio.   È una strana sensazione. Di permanenza. La sensazione di chi arriva per restare. Poco o molto non ha davvero importanza. Non ci siamo più abituati. Io, almeno, non ci sono più abituata, sempre in giro per un tempo troppo breve, un cambio o due al massimo che restano piegati in valigia, spesso appoggiata sul pavimento, nell’angolo di una stanza.

Continua a leggere